Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

AFFILIAZIONE PREMIUM ACF FIORENTINA – CONTRATTO RINNOVATO FINO AL 2024

Per un nuovo biennio insieme ad ACF Fiorentina. Il Settore Calcio della Società Atletica Castello ha rinnovato il contratto di Affiliata Premium col club della proprietà Rocco Commisso, che ha permesso negli ultimi due anni di sviluppare le proprie capacità sia per la Scuola Calcio che per il Settore Giovanile.

Tanti i successi già raggiunti. Così come la conferma da parte di ACF Fiorentina di rinnovare l’affiliazione per altri due anni (fino al 2024), scelta riservata non a tutte le società che ne fanno richiesta. Segno di come il nostro Settore abbia cercato di lavorare al massimo delle capacità, mettendosi a disposizione di Mirko Mazzantini (Responsabile Tecnico U15-9) e Luigi Del Sordo (Referente operativo del progetto Affiliate).

Non solo. Oltre ai percorsi di formazione seguiti e coordinati da ACF Fiorentina sul nostro campo di via del Pontormo, nell’ultima stagione il vivaio bianco verde ha fornito al Settore Giovanile della Fiorentina ben tre giocatori (due bambine, un bambino) che adesso stanno crescendo sotto lo sguardo attento del Direttore del Settore Giovanile viola, Valentino Angeloni. In estate, poi, confermato il Fiorentina Camp che si svolgerà nel mese di giugno e che nei prossimi giorni annunceremo con tutti i dettagli.

“Siamo orgogliosi di aver rinnovato per un altro biennio l’affiliazione con ACF Fiorentina – dice il Responsabile Scuola Calcio Atletica Castello, Alessandro Campolmi – siamo interessati a tutti i percorsi proposti dai viola e siamo sicuri che nei prossimi due anni potremo sviluppare ancor di più gli insegnamenti che ci vengono illustrati e forniti sul campo e nelle aule. Il Fiorentina Camp è stato un successo, nei numeri ma soprattutto a livello qualitativo. Siamo pronti per alzare ancor di più i nostri standard e saremo felicissimi di fornire alla Fiorentina, in futuro, altri promettenti giocatori che si sono formati all’intento della nostra Scuola Calcio”.

Articolo a cura di Matteo Dovellini.

(36)

Leave a Reply