Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

ALLIEVI B – Due stoccate di Sicoli tengono viva la speranza! E sabato, tutti a Santa Maria!!

  

 

ATLETICA CASTELLO – FLORIAGAFIR 2 – 1

ATLETICA CASTELLO: Fabiani, Chiefa, Deli, Ciappi, Manni, Brinzaglia Alessio, Carifi, Sicoli, Santi, Sottoscritti, Basilio.

A DISPOSIZIONE: Brinzaglia Filippo, Molaro, Nudo, Schiavone, Longhi, Rindi, Tarlini.

ALLENATORE: Mario Orsi.

FLORIAGAFIR: Lenzi, Saturni, Spissu, Seri, Cipriani, Moriero, Catalano, Innocenti, Bambi, Borselli, Amato.

A DISPOSIZIONE: Ronconi, Morandini, Jacini.

ALLENATORE: David Bowen Taylor.

ARBITRO: Picchianti di Firenze.

RETI: 28′ e 73′ Sicoli, 45′ Spissu.

Vista e considerata la preoccupante fase calante che sta caratterizzando le ultime prestazioni della “Banda Orsi”, non è esagerato affermare che l’ultima uscita stagionale davanti al pubblico amico del “Pontormo”, rappresenti, per il Castello, anche l’ultima occasione utile per restare agganciato al treno promozione. Reduce da due sconfitte consecutive e dalla prestazione incolore offerta sul campo di una Laurenziana che più nulla aveva da chiedere alla propria classifica, la compagine biancoverde è chiamata ad operare quella brusca inversione di tendenza che le permetta di ritrovare un successo che manca da ben tre turni. Di fronte, però, i ragazzi di Mario Orsi si ritrovano l’ostacolo forse più arduo da affrontare in un momento come questo. Anche la Floriagafir targata Bowen Taylor, infatti, sul sintetico castellano, si gioca una sorta di tennistico match point. I ragazzi del Campo di Marte, infatti, vantano un punto di vantaggio nei confronti dei rivali di giornata ed una vittoria permetterebbe loro di estrometterli definitivamente dalla corsa promozione. E le previsioni, ripensando a quel che successe in occasione dal match d’andata, sono quanto mai nefaste per la truppa guidata da “Marione Da Campi”. In quell’occasione, infatti, bastò un tempo ad una Floriagafir pimpante e travolgente per seppellire i biancoverdi sotto una valanga di gol; cinque, per la precisione. Se vorranno tentare di volgere il pronostico a loro favore, dunque, i castellani dovranno scendere in campo con il giusto atteggiamento. Temendo le potenzialità di un attacco bianco azzurro che comunque, nell’occasione, è costretto a fare a meno degli squalificati Coli e Sancasciani, Orsi opta per un atteggiamento tattico molto prudente schierando un centrocampo molto folto a sostegno dell’unica punta Basilio. Bastano pochi giri d’orologio per comprendere come questa scelta sia stata la più giusta. Nonostante sia privo, fra gli altri, dello squalificato Campolmi, quello che approccia la partita in maniera grintosa e propositiva, è un Castello ben diverso da quello troppo brutto per essere vero che fece una gran brutta figura sul sintetico del Viale Malta. Trascinato in mediana da Carifi e da un ben ispirato “Dudu” Sicoli, il Casello parte forte costringendo la Floriagafir a racchiudersi nella propria trequarti campo. I ragazzi di Orsi operano subito un buon pressing che mette in difficoltà la retroguardia avversaria e facendo guadagnar loro, all’altezza dell’8′, un calcio d’angolo Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina. Deli salta più in alto di tutti incornando a rete un insidioso pallone che chiama Lenzi ad un non semplice intervento. Fortunatamente per lui, il primo ad avventarsi sulla sua corta respinte è il compagno di reparto Seri che allontanando definitivamente la sfera, sventa la minaccia. Il Castello insiste e al 12′ una travolgente azione di Sicoli si conclude con un tiro che Lenzi riesce, ancora una volta, solo a respingere. Stavolta, però, è Basilio ad approfittare dell’occasione toccando in rete da due passi. Peccato, però, che l’attaccante castellano si trovi in posizione irregolare Picchianti annulla giustamente la segnatura e la Floriagafir è di nuovo salva. Al 21′ Sicoli ci riprova effettuando un insidioso tiro-cross che Lenzi sventa stavolta senza troppo affanno. Il Castello raccoglie finalmente i frutti del gran lavoro svolto fino a questo momento quando sul cronometro scocca il minuto numero ventotto; Carifi calamita un gran suggerimento sui piedi di Sicoli che dopo aver raccolto il pallone, s’incunea in area dalla destra superando Lenzi grazie ad un bel diagonale che s’insacca all’altezza del secondo palo. Soffrono i ragazzi di Bowen che riescono a rompere l’assedio in una sola occasione, quando Bambi imposta un veloce contropiede innescando Innocenti il quale entra in area calciando, però, abbondantemente a lato. Nell’intervallo fra primo e secondo tempo, il morale è alto nello spogliatoio castellano. I ragazzi di Orsi ci credono e sentono che l’impresa non è impossibile. Questa ventata d’ottimismo, però, sembra svanire improvvisamente in avvio di ripresa, quando in occasione della prima sortita offensiva portata avanti dalla Floria, i ragazzi di Bowen ritrovano la parità. Imperdonabile, nell’occasione, l’errore commesso da Fabiani e Deli che sugli sviluppi di un calcio piazzato dalla sinistra scodellato verso il centro dell’area biancoverde da Bambi, cucinano una frittata davvero pesante da digerire. L’estremo difensore castellano, infatti, sbaglia completamente il tempo dell’intervento in uscita, entrando in collisione con l’ex centrale difensivo della Laurenziana. Nel cuore dell’area biancoverde si accende un confuso batti e ribatti dal quale esce vincitore Spissu che toccando agevolmente in rete il pallone da due passi, rimette in perfetto equilibrio l’asse dell’incontro. La “Banda Orsi” non ci sta e smaltito in fretta il duro colpo, riprende a far gioco ed a creare occasioni. Al 48′ Carifi scende sulla sinistra e poi taglia verso il centro un pallone che Sicoli prima raccoglie e poi gira a rete costringendo Lenzi alla deviazione in calcio d’angolo. Al 49′ è Santi ad impostare servendo Alessio Brinzaglia che entra in area tentando poi una battuta a rete che vede nuovamente pronto alla deviazione in corner un reattivo Lenzi. Al 51′ i castellani gettano alle ortiche una ghiottissima opportunità. Basilio è bravo ad innescare Sottoscritti che va via in contropiede ma giunto a tu per tu con Lenzi, si allunga troppo la sfera che entra così nella disponibilità del portiere della Floriagafir, prontissimo nel chiudergli lo spazio in uscita ed a recuperare la palla. Al 67′ la conclusione di Sicoli trova, invece, l’opposizione del corpo di un difensore avversario che ritrovatosi sulla linea di tiro, devia in calcio d’angolo. Un minuto più tardi tocca al guizzante Alessio Brinzaglia prodursi in una delle sue discese che gli permettono prima di andar via in dribbling al diretto avversarie e poi di tentare una conclusione a rete sulla quale Lenzi si fa nuovamente trovar pronto alla respinta. Prova ad approfittare dell’occasione l’accorrente Carifi che però, dopo aver recuperato la palla, conclude debolmente da buona posizione permettendo così al numero uno ospite di rientrarne definitivamente in possesso. Come già era accaduto nel corso della prima frazione di gara, dopo aver costruito e sprecato diverse buone occasioni, al 72′ il Castello rischia nuovamente la capitolazione in occasione di una delle rarissime sortito offensive proposte dalla formazione di Bowen. Innocenti è bravo a sfruttare un buon varco apertosi sul fronte sinistro del proprio attacco e dopo essere entrato in area, effettua una conclusione sulla quale Fabiani compie un autentico miracolo togliendo dallo specchio della propria porta, grazie ad uno stupendo volo plastico, il pallone del possibile 1-2. Non sbaglia, invece, un minuto più tardi sul fronte opposto la “Banda Orsi” che mettendo di nuovo a ferro e fuoco l’area bianco azzurra, ottiene una serie di calci d’angolo. Sugli sviluppi dell’ultimo, molto ben calibrato verso il cuore dei sedici metri ospiti dal neo entrato Nudo, Sicoli prende bene il tempo all’intera retroguardia della Floriagafir e saltando più in alto di tutti, incorna inesorabilmente alle spalle di Lenzi il pallone del vantaggio biancoverde, La strada verso il successo di tappa si fa adesso tutta in discesa per i ragazzi di Mario Orsi. La Floriagafir non riesce, infatti, a reagire e il Castello legittima la vittoria creando un altro paio di ottime occasioni griffate Antonio Nudo. Al 75′, sugli sviluppi di un fallo laterale da sinistra battuto da Sicoli, il numero undici di casa recupera la sfera, resiste al prepotente ritorno da parte di un difensore, entra in area ma sciupa tutto calciando sul corpo di Lenzi in uscita. Al 79′, partendo sempre da sinistra ma sfruttando stavolta un preciso lancio di Carifi, Nudo sguscia nuovamente in area calciando, però, di poco fuori da ottima posizione. Nemmeno i tre minuti di recupero servono ad una Floriagafir ormai svuotata di ogni energia per tentare la rimonta. Al termine di una gara ben interpretata, un rigenerato Castello opera il sorpasso in classifica nei confronti dei bianco azzurri certificandone, così, la matematica estromissione da un discorso promozione del quale, invece, torna più che mai protagonista la “Banda Orsi”. Alla luce dei risultati provenienti dagli altri campi, se da un lato Resco Reggello e Alleanza Giovanile Dicomano (vittoriose rispettivamente nei confronti di Isolotto e Signa) festeggiano la matematica promozione nel Girone di Merito, dall’altro occorrerà attendere l’ultima giornata per sapere quale, fra Castello e Santa Maria, staccherà il terzo ed ultimo biglietto per il paradiso dell’elite provinciale di categoria. Lo scontro diretto che avrà luogo sul sintetico del “Biagioli”, odora di spareggio. Toccherà, però, al Castello provare a compiere l’impresa. Gli empolesi, che grazie al robusto successo ottenuto sul campo di Cerreto Guidi, mantengono tre lunghezze di vantaggio sui biancoverdi, avranno infatti la grande opportunità di affrontare quest’ultimo impegno sapendo di avere a loro disposizione due risultati; la vittoria e il pareggio. L’impresa, certo, è ardua ma come in più di un’occasione ci ha ricordato questo campionato, il Santa Maria commetterebbe un grosso errore pensando di vendere la pelle della “Banda Orsi” prima di averla sconfitta sul campo.

(61)

Leave a Reply