Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

ALLIEVI B – Il Castello stacca la spina, la Floria accende cinque volte la luce e lo abbaglia senza pietà!!

  

 

FLORIAGAFIR BELLARIVA – ATLETICA CASTELLO 5 – 0

 

FLORIAGAFIR BELLARIVA: Lenzi, Aureli, Borselli, Capizzani, Coli, Moriero, Sancasciani, Saponaro, Saturni, Spissu, Tramonti.

A DISPOSIZIONE: Amato, Jacini, Morandini, Notarelli, Ronconi, Tassini.

ALLENATORE: David Tailor Bowen.

ATLETICA CASTELLO: Fabiani, Chiefa, Bardazzi, Deli, Sottoscritti, Schiavone, Campolmi, Maestrelli, Carifi, Magherini, Nudo.

A DISPOSIZIONE: Brinzaglia Filippo, Manni, Cardinali, Sicoli, Brinzaglia Alessio, Tarlini, Rindi, Basilio.

ALLENATORE: Mario Orsi.

ARBITRO: Marano di Firenze.

RETI: 5’ e 20’ Saponaro, 11’ e 26’ Coli, 33’ Sancasciani.

 

Va in scena sul sintetico del “Grazzini” di Viale Malta l’ultimo atto di una settimana che sembra foriera solo di buone notizie per la “Banda Orsi”. Reduci dal successo casalingo con la Laurenziana e dal verdetto loro favorevole emesso mercoledì scorso dal Giudice Sportivo in merito al reclamo presentato dal Signa, i castellani vogliono chiudere il cerchio mantenendo la leadership del Girone G attraverso la conquista di un risultato positivo anche su un campo notoriamente molto insidioso come quello della compagine bianco azzurra guidata nell’occasione dall’ex giocatore dei Ferrovieri Bowen. Alla vigilia di un match che vede comunque favorita la compagine di Mario Orsi, è impossibile anche solo immaginare ciò che sta per accadere. Quando l’arbitro Marano fischia l’inizio della gara, una cosa balza subito all’occhio attento dello spettatore abituato a seguire le gesta della “Banda Orsi”. Quello che approccia la contesa in maniera timida ed impacciata non è il solito Castello veloce, brillante e sempre in grado di far male a qualunque avversario. Se ne rende subito conto l’undici di Bowen che imponendo il proprio ritmo agli avversari, impiega solo cinque minuti per sbloccare il risultato. Coli è bravo a sganciarsi sulla corsia di competenza per poi scaricare a centro area un pallone che Saponaro prima raccoglie anticipando gli avversari e poi gira imparabilmente alle spalle di Fabiani. Il repentino svantaggio rappresenta un’ulteriore doccia fredda per un Castello evidentemente poco avvezzo a giocare la domenica mattina. I biancoverdi sembrano aver dimenticato la testa nello spogliatoio ed i padroni di casa ne approfittano per raddoppiare. All’11’ Coli fa tutto da solo e dopo essersi liberato al limite dell’area avversaria, fa partire un’insidiosa conclusione sulla quale nulla può fare Fabiani. La reazione biancoverde è insolitamente sterile e si traduce solo in un velleitario tentativo propiziato da Nudo, con la conclusione che termina di molto a lato della porta difesa da Lenzi. E’, invece, ancora una volta fatale la ripartenza bianco azzurra allo scoccare del 20’ quando la battuta dal limite di Saponaro inganna Fabiani portando la Floria sul momentaneo tre a zero. Un Castello ormai in balìa dell’avversario crolla al tappeto per la quarta volta al 26’ quando Coli, lasciato colpevolmente solo nel cuore dell’area biancoverde, ha tutto il tempo per controllare il pallone e battere inesorabilmente Fabiani. Una Floria a caccia di record cala addirittura la cinquina al 33’ quando Sancasciani deposita in rete da pochi passi il pallone che mette definitivamente in cassaforte i tre punti. Nella ripresa il Castello prova a reagire con l’orgoglio. Nemmeno il bomber Nudo riesce, però, a trovare il punto della bandiera. Altre occasioni si susseguono ma il risultato non cambia. Al termine di un match dall’esito impronosticabile, la Floria compie un’autentica impresa abbattendo la capolista, conquistando i tre punti e rendendo più che mai incerta la corsa alla promozione nel Girone di Merito. Per il Castello, invece, una domenica mattina tutta da dimenticare. Speriamo solo che in vista dei futuri impegni, la sconfitta sia servita da lezione ai ragazzi di Mario Orsi che nel prossimo turno se la dovranno vedere con la corazzata Santa Maria.

(42)

Leave a Reply