Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

COPPA TOSCANA SECONDA CATEGORIA – Castello cala il poker! E al “Pontormo” è subito festa grande!

 

ATLETICA CASTELLO – DLF FIRENZE 4-0

 

ATLETICA CASTELLO: Albertini, Pantiferi, Matucci, Bianchi (72’ Picchioni), Mattolini (80’ D’Amico), Lanni, Nocenzi (86’ Boschi), Bruni (88’ Buratti), De Tellis (65’ Fedi), Calvani, Mugelli.

A DISPOSIZIONE: Aiazzi, Crescioli, Orsini, Pini.

ALLENATORE: Michele Batistoni.

DLF FIRENZE: Fioravanti, Costanzi, Pasquali (84’ Venturini), Sarti (65’ Baldini), Bertini, Fanara, Brunelli (55’ Tornese), Orsolini, Pettirossi (84’ Romani), Gennari, Proposti (75’ Centinaro).

A DISPOSIZIONE: Zannotti, Falorsi, Rachini.

ALLENATORE: Stefano Rossi.

ARBITRO: Andrei di Prato.

RETI: 12’ e 74’ Mugelli, 32’ De Tellis, 92’ Fedi.

 

Se è vero che, come recita un noto proverbio, iniziare bene vuol dire essere già a metà dell’opera, i ragazzi di Michele Batistoni possono legittimamente ritenersi orgogliosi e soddisfatti al termine della loro prima uscita stagionale davanti al pubblico amico del “Pontormo”. La prima sfida di Coppa Toscana con i Ferrovieri ha, infatti, messo in evidenza un Castello già in buona salute. Alla vigilia dello scontro con la neo promossa formazione rosso blu, in casa biancoverde si temevano le potenzialità di un DLF voglioso di ben figurare e guidato in fase offensiva dall’espertissimo super bomber classe ’81 Pettirossi. Sin dalle primissime battute di gara, però, si evince che la storia sarà ben diversa e soprattutto, dipinta a forti tinte biancoverdi. Trascinati da un incontenibile Mugelli, da un sempre temibilissimo De Tellis e da un propositivo Calvani, sono i padroni di casa a prendere subito in mano le redini del match ed a portarsi in vantaggio dopo appena dodici giri di lancette grazie alla zampata vincente proposta dal numero undici di verde vestito. Il repentino vantaggio biancoverde sposta, nei minuti successivi, gli equilibri tattici del match ancor più in favore dei padroni di casa che insistono trovando il raddoppio due giri di lancette dopo la mezzora grazie alla prima rete stagionale realizzata dal puntero di scuola Rifredi 2000 De Tellis. Ci provano i ragazzi guidati da Stefano Rossi a reagire ma il monologo castellano caratterizza anche la seconda frazione di gioco. I ragazzi di Batistoni riprendono il filo del discorso interrotto dal canonico intervallo di metà gara creando, anche nella ripresa, diverse nitide occasioni. Al 50’ un’invenzione d’alta scuola proposta dallo scatenato Mugelli, pur non culminando nel terzo acuto biancoverde, strappa gli applausi del pubblico. La sua parabola disegnata direttamente dalla bandierina del calcio d’angolo, colpisce in pieno la traversa della porta difesa da Fioravanti. Al 62’ la grande chance della doppietta personale capita sui piedi di De Tellis che però non inquadra la porta da favorevolissima posizione spedendo di poco sul fondo un pallone che certo avrebbe meritato miglior sorte. L’appuntamento con la doppietta personale è rimandato di dodici minuti ma al 74’, a realizzarla, ci pensa un superlativo Mugelli che s’inventa una strepitosa azione personale che lo porta, dopo aver saltato come birilli ben tre difensori avversari, a superare per la terza volta l’incolpevole Fioravanti. Dopo essersi tolto la soddisfazione del secondo centro personale, all’86’ Mugelli veste alla perfezione anche i panni dell’assist man servendo a Calvani un bel pallone che il “dieci” castellano spreca malamente calciandolo di poco fuori da ottima posizione. A calare il poker ci pensa, in piena zona Cesarini, il neo entrato Fedi che chiude con il proprio personalissimo acuto una “prima” priva di stecche e ricchissima di applausi ed elogi. Un successo rotondo e convincente, quello ottenuto dalla truppa di Michele Batistoni, che porta in dote un sacco di benefici. Dopo aver fatto un deciso passo avanti in chiave qualificazione, adesso il Castello potrà preparare con maggior tranquillità il proprio esordio in campionato. Per i biancoverdi, l’appuntamento con la seconda sfida di Coppa Toscana, è previsto per mercoledì 26 settembre quando, sul terreno dell’Isolotto, avranno la possibilità di accaparrarsi la chiave che apre la porta che conduce al secondo turno della manifestazione. Dovranno, invece, cercare di rifarsi domenica prossima sul sintetico del “Manlio Pacini” i Ferrovieri che certamente non vorranno sfigurare in occasione della prima uscita casalinga stagionale che li vedrà opposti all’Isolotto.

(947)

Leave a Reply