Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

GIOVANISSIMI REGIONALI – Chiusura con il botto per i ragazzi di Bolognesi! Fiacchi e Cuscianna stendono il Bagno a Ripoli!!

  

 

ATLETICA CASTELLO – BAGNO A RIPOLI 2 – 1

ATLETICA CASTELLO: Orrei, Griffi, Gimigliano, Nigro, Matera, Cesari, Ceccherini, Orsi, Giorgetti, Fiacchi, Longo.

A DISPOSIZIONE: Amaro, Pini, Nieri, Ermini, De Santis, Cuscianna.

ALLENATORE: Marco Bolognesi.

BAGNO A RIPOLI: Gazzetti, Liguori, Romano, Ognibene, Picariello, Pinzauti, Pecori, Poggiarelli, Piccioli, Brestolani, Berni.

A DISPOSIZIONE: Scheggi, Casella, Donati, Giorgelli, Kissel, Quercetani, Mugione.

ALLENATORE: Marco Chini.

ARBITRO: Bossone di Firenze.

RETI: 14′ Pinzauti, 35’+4 Fiacchi, 70’+2 Cuscianna.

Avete presenti due studenti che dopo aver conseguito la promozione a pieni voti, indossano l’abito più bello che hanno per partecipare senza troppi pensieri in testa, ed al solo scopo di divertirsi, alla festa di fine scuola? Beh; anche se il paragone potrà sembrarvi un tantino paradossale, Atletica Castello e Bagno a Ripoli assomigliano moltissimo a due liceali studiosi sì ma non troppo secchioni che pur essendo ormai ben consci del proprio destino, sono anche ben decisi a non sfigurare in occasione di quell’ultima interrogazione che se ben preparata, farebbe lievitare una media voto già di per sé più che sufficiente. Dopo aver conquistato con largo anticipo la permanenza in categoria, i ragazzi di mister Bolognesi scendono sul sintetico amico del “Pontormo” con la ferma intenzione di chiudere in bellezza di fronte ai propri sostenitori bissando il prestigioso successo ottenuto sette giorno fa sul campo del Santa Firmina. A caccia di un risultato positivo che possa coronare nel migliore dei modi una stagione ricca di soddisfazioni (prima tra tutte, quella di aver battuto, sul sintetico dei “Ponti”, la capolista Sangiovannese) è, però, anche la compagine guidata dall’ex tecnico del Pontassieve Marco Chini che reduce dallo stop interno impostole dall’Olmoponte, conquistando l’intera posta in palio, vuol metaforicamente stappare una meritatissima bottiglia di spumante. Due formazioni mentalmente libere da gravosi impegni di classifica, danno così vita ad un match interessante, equilibrato e combattuto; una bella festa di sport, insomma, solo parzialmente rovinata da una pioggia intensa e battente che è caduta su Via Reginaldo Giuliani per quasi tutta la durata dell’incontro. Alla festa, purtroppo, non ha potuto partecipare appieno lo sfortunato capitano castellano Tommaso Nigro che dopo appena un minuto di gioco, in occasione della prima sortita offensiva portata avanti dagli attaccanti ripolesi, nel tentativo di sbarrare il passo al lanciatissimo Giulio Berni, resta vittima di un duro scontro di gioco che lo costringe ad alzare prematuramente bandiera bianca. Marco Bolognesi è così subito costretto a ridisegnare il proprio schieramento difensivo schierando De Santis, mentre allo sfortunato numero due biancoverde non resta altro da fare che lasciare il terreno di gioco e la fascia che passa così sul braccio di Lapo Giorgetti. Questo spiacevole primo episodio che resta subito impresso sul nostro taccuino degli appunti, non muta quello che è il canovaccio tattico del match. Fra tentativi di belle giocate, abbozzi di buon giro palla ma anche tanti errori in fase d’appoggio, biancoverdi e giallo blu danno vita ad un match tatticamente ben leggibile che vede i castellani interpretare in maniera certamente più ruvida ma non per questo meno efficace sia la fase difensiva, sia quella d’impostazione ed i ripolesi contrapporsi agli avversari attraverso una manovra molto più fluida e ragionata che fa leva sia sull’attenta e precisa regia di Poggiarelli, sia sui frequenti sganciamenti lungo le corsie esterne di Liguori a destra e Romano a sinistra. E’ proprio attraverso l’utilizzo dei due esterni di difesa che mister Chini riesce a far tenere alla propria squadra molto più alto il baricentro del gioco. Nella prima fase del match, insomma, è il Bagno a tenere saldamente in mano l’iniziativa; un atteggiamento positivo e propositivo che al 14′, complice anche una disattenzione della retroguardia castellana, culmina con la rete del vantaggio ospite. Sugli sviluppi di un corner dalla destra battuto corto da Berni per Piccioli, la difesa locale non chiude con la necessaria solerzia lo spazio davanti al numero nove ripolese che dopo essersi accentrato, lascia partire una conclusione a girare dal limite dell’area, non potente ma precisa, sulla quale Orrei tenta d’intervenire scegliendo di provare ad artigliare la sfera in plastico volo. Sfortunatamente per lui, l’operazione non dà i frutti sperati, poiché la palla, respinta corta dall’estremo difensore castellano, entra nella disponibilità del ben appostato Pietro Pinzauti al quale non resta altro da fare che spingerla in fondo ad una porta rimasta incustodita. Nei minuti successivi, il vantaggio ospite sembra far decisamente pendere la bilancia in favore della squadra di Chini. Se, da una parte del campo, c’è un Castello che fatica ad organizzare il gioco, dall’altra c’è un Bagno che continua a dettarne i tempi sfruttando piuttosto bene anche l’arma rappresentata dal duo d’attacco formato da Piccioli e Berni. Al 25′, infatti, è ancora la squadra di Chini ad andare vicinissima al raddoppio. Bella la manovra che si sviluppa sul fronte destro del centrocampo giallo blu, con Poggiarelli che dopo aver lavorato con buona qualità uno dei tantissimi palloni che transitano per i suoi piedi, smista intelligentemente il gioco premiando, grazie ad in preciso tocco rasoterra, l’inserimento sulla sua la da parte di Liguori. Il preciso traversone del numero due ospite recapita la sfera sui piedi di Berni che senza pensarci due volte, si gira in un fazzoletto facendo poi partire una conclusione dalla media distanza, con la palla che si stampa sul montante sinistro della porta difesa da Orrei. E’ da questo momento in poi che l’inezia del match inizia pian piano a modificarsi. Il risveglio castellano che caratterizza la fase centrale del primo tempo, ai più potrebbe sembrare lento. Basta, però, osservare con attenzione ciò che accade in mediana per comprendere come i ragazzi di Bolognesi, dopo aver preso le misure, combattano ad armi pari con gli omologhi avversari. Giorgetti ed Orsi disegnano adesso con maggior efficacia le loro trame di gioco, agevolati anche da una maggior intraprendenza messa in mostra da Longo che sganciandosi con continuità lungo il settore di destra, inizia a mettere in difficoltà un Romano fin qui libero di agire indisturbato anche in fase di costruzione del gioco. L’incidente occorso nei primissimi secondi di gioco a Nigro, induce l’arbitro Bossone a concedere ben quattro minuti di recupero. Ed è proprio quando il cronometro del “Pontormo” inizia a percorrere l’ultimo di questi quattro giri che il Castello, utilizzando proprio la catena di destra, dà il “là” all’azione che lo riporta in parità. Longo è bravo ad andar via al diretto avversario e dopo esser giunto quasi sul fondo, a riproporre verso il centro dell’area ospite un bel pallone rasoterra che l’accorrente Fiacchi, anticipando l’intera retroguardia ripolese, traduce in rete grazie ad un bel tocco di prima intenzione. Nonostante anche in avvio di ripresa la pioggia, cadendo copiosa ed incessante, renda il terreno di gioco piuttosto insidioso, il ritmo della gara resta piuttosto alto contribuendo così a renderla frizzante e divertente. Anche se di occasioni non se ne vedono, in tribuna non ci si annoia seguendo lo svolgimento del gioco. Le due squadre lottano su ogni pallone dando così la sensazione di viaggiare lungo il filo di un equilibrio che pare destinato a non spezzarsi nuovamente. E’ proprio in questa fase del match che Marco Bolognesi tira fuori dal cilindro una magia destinata a lasciare il segno. L’inserimento a centrocampo di Nieri conferisce, infatti, nuova linfa vitale alla manovra biancoverde ed è proprio dai piedi del numero undici castellano che parte il pallone che, allo scoccare del primo dei quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro Bossone, fa viaggiare sulla sinistra Andrea Longo. Dopo essersi incuneato in area di rigore, il numero ventitré castellano indirizza verso il primo palo una conclusione che il neo entrato Scheggi devia in calcio d’angolo grazie ad un pronto intervento con i pugni. Ed è sempre sugli sviluppi di un corner dalla destra calciato magistralmente da Griffi che un pallone calibrato con il contagiri verso il secondo palo, è impattato di testa dall’altro neo entrato Cuscianna che anticipando una difesa ripolese colta di sorpresa nell’occasione, appoggia in rete da due passi il pallone del vantaggio castellano. Il palo colto a pochi secondi dal termine da uno scatenato ed anche un po’ sfortunato Giulio Griffi (per quanto di buono ha fatto vedere, se la sarebbe meritata la soddisfazione del gol….) chiude col botto una stagione tutto sommato positiva per i suoi colori. Grazie a questa vitoria (la seconda consecutiva) il Castello si toglie la soddisfazione di superare in classifica i “cugini” del Doccia, sconfitti sul campo dell’ormai retrocesso Isolotto. Nonostante la sconfitta di stretta misura, si conclude in maniera più che positiva anche l’ottimo percorso dei ragazzi guidati da Marco Chini che anche sul terreno di Castello hanno dimostrato di essere un gruppo compatto, tatticamente ben disciplinato e dotato di buone individualità che lo rendono veloce e preciso in fase d’impostazione e sempre insidioso negli ultimi sedici metri.

(73)

Leave a Reply