Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

GIOVANISSIMI REGIONALI – Il “Gallo” canta tre volte ma il Castello non sfigura!!

   

 

AUDACE GALLUZZO OLTRARNO – ATLETICA CASTELLO 3 – 0

AUDACE GALLUZZO OLTRARNO: Benvenuti, Fiorini, Andrei Cosimo, Reale, Monnetti, Bennardo, Banchini, Tereziu, Prosperi, Di Maggio, Andrei Giuliano.

A DISPOSIZIONE: Lombardi, Taddei, Caponi, Nencini, Ara, Manetti, Filidei.

ALLENATORE: Gianpaolo Giugni.

ATLETICA CASTELLO: Amaro, Griffi, Gimigliano, Ciappi, Matera, Orsi, Giorgetti, Giacomini, Cuscianna, Bertela’, Longo.

A DISPOSIZIONE: Orrei, Nigro, Molaro, Pini, Ceccherini, Nieri, Fiacchi.

ALLENATORE: Marco Bolognesi.

ARBITRO: Terzaroli di Firenze.

RETI: 7′ Tereziu, 52′ Filidei, 67′ Ara.

Pronostico rispettato sul sintetico del “Guidi”, dove il Galluzzo guidato da Gianpaolo Giugni, superando in maniera netta nel punteggio il Castello, mantiene la propria posizione sul secondo gradino del podio in coabitazione con l’Affrico ma sempre ben distante dall’imprendibile capolista Sangiovannese. Il risultato finale sembrerebbe tracciare in maniera ben definita i contorni di un match dominato in lungo e in largo dalla formazione giallo blu. Hanno assistito, invece, a un match equilibrato e combattuto gli spettatori assiepati sulla grande tribuna dell’impianto di Via Biagini. Facendo valere la maggior solidità del gruppo ed alcune buonissime individualità, i padroni di casa hanno, alla distanza, ottenuto il successo di tappa. Buone indicazioni sono, però, arrivate anche dalla truppa guidata da Marco Bolognesi. Le buone trame disegnate da un Castello grintoso e frizzante in fase d’impostazione, hanno reso ben più difficile di quanto non dica il punteggio finale il compito ai galluzzini. Alla fine, la differenza l’hanno fatta la maggior lucidità messa in mostra dai ragazzi di Giugni negli ultimi sedici metri ma anche un paio di grossolani errori arbitrali che hanno involontariamente spianato davanti ai giallo blu la strada verso la vittoria. Che l’andamento del match possa rivelarsi più incerto del previsto, lo si capisce dopo appena un minuto di gioco quando un Castello partito a mille e senza particolari timori reverenziali costruisce la prima palla gol di giornata. Sugli sviluppi di un traversone dalla destra respinto con qualche affanno dalla retroguardia giallo blu, il pallone giunge sui piedi di Giorgetti che senza pensarci troppo, lascia partire un insidioso pallonetto da venticinque metri, con la sfera che sorvola di poco la traversa della porta difesa da Benvenuti. Un primo campanello d’allarme, questo, che risveglia subito le velleità della formazione di Giugni. La replica galluzzina non si fa attendere e così, allo scoccare del 4′, una bella discesa sulla destra di Banchini si conclude con un bel servizio in area che pesca Prosperi; buono il controllo da parte del numero nove ma conclusione da favorevole posizione che termina oltre la traversa. Al 7′ il primo episodio da moviola consente al Galluzzo di trovare il gol che sblocca il risultato. Una sponda aerea al limite dell’area biancoverde libera Tereziu solo davanti ad Amaro. Per il numero otto di casa è un gioco da ragazzi mettere in rete ma la sua posizione lascia più di un dubbio nei sostenitori di fede castellana. Lo svantaggio non spegne l’ardore agonistico dei ragazzi di Bolognesi che due minuti più tardi vanno vicinissimi al pareggio. Gimigliano pennella col contagiri nel cuore dell’area di rigore giallo blu una punizione dalla destra pescando Giorgetti che dopo aver ottimamente stoppato il pallone, conclude di prima intenzione verso la porta costringendo Benvenuti a bloccare, seppur con buona sicurezza, un pallone davvero molto insidioso. All’11’ si fa vedere sul fronte opposto Giuliano Andrei che partito sul settore sinistro del proprio attacco, sciupa una buona opportunità calciando malamente sopra la traversa. In questa prima fase la gara è contraddistinta da un continuo ping pong di emozioni; un’alternanza che al 16′ porta i ragazzi di Bolognesi ad intessere una bella e ficcante manovra offensiva. Cuscianna e Bertela’ triangolano sul settore di sinistra per poi tagliare verso il centro dell’area galluzzina un buon pallone che nelle intenzioni dovrebbe premiare il puntuale inserimento offensivo da parte di Longo. In effetti l’attaccante biancoverde riesce ad arrivare sulla sfera ma al momento di battere a rete, è efficacemente contrastato da un difensore avversario che gli fa perdere il tempo per la conclusione. E’ dopo questa potenziale occasione da gol non sfruttata dai biancoverdi che il Galluzzo, alzando l’intensità del pressing a centrocampo, costringe la formazione ospite a rintanarsi nella propria trequarti. Questo atteggiamento tattico permette ai ragazzi di Giugni di collezionare alcune palle gol. Al 18′ Banchini scende sulla destra e poi taglia verso l’area di rigore biancoverde un bel cross che libera Giuliano Andrei tutto solo davanti ad Amaro. L’occasione è di quelle che non capitano tutti i giorni ma il numero undici giallo blu la spreca clamorosamente calciando fuori da ottima posizione. Al 22′ ci prova Prosperi che s’incunea in area dalla destra ma vede la sua conclusione provvidenzialmente ribattuta dal corpo di un difensore Un minuto più tardi, a riprovarci è Giuliano Andrei che dopo essersi insinuato in area da sinistra, lascia partire una bella conclusione sulla quale, però, Amaro è bravissimo a dire di no chiudendo in tuffo sulla propria sinistra e deviando la sfera in calcio d’angolo. La prima frazione di gioco si chiude con un altro buon tentativo di marca galluzzina firmato Prosperi che dopo essersi liberato bene per la battuta a rete, costringe Amaro ad un nuovo intervento in tuffo. Le due squadre si avviano verso gli spogliatoi per godersi il meritato riposo di metà gara con sentimenti diametralmente opposti. Il Galluzzo recrimina pensando alle numerose occasioni avute ma non sfruttate nella seconda parte del primo tempo ma ancor più cruda è la constatazione dei ragazzi di Bolognesi che consci di aver disputato una buona prima frazione di gara e di essere ancora in partita, masticano amari ripensando al gol del vantaggio locale maturato al culmine di un’azione non regolare. Ed è con lo spirito giusto che il Castello approccia bene la ripresa costringendo nella propria metà campo i padroni di casa. Al 45′ il buon pressing operato dai biancoverdi porta la compagine castellana vicinissima al pareggio. L’azione si sviluppa sulla sinistra, dove il dialogo fra Bertela’ e Nieri si conclude con un bel passaggio nel cuore dell’area giallo blu che raggiunge Cuscianna. L’attaccante ospite scarica intelligentemente fuori area premiando l’inserimento di Giorgetti che così come aveva fatto nel corso del primo tempo, tenta la battuta a rete dai venticinque metri. Stavolta la staffilata tesa proposta dal numero dieci castellano fa davvero paura. Sfortuna vuole, però, che la sfera passi di poco sopra l’incrocio dei pali terminando la propria corsa oltre la traversa. Come troppo spesso accade nel gioco del calcio, al culmine del miglior momento vissuto dal Castello, un brutto errore apre la strada al raddoppio galluzzino. Scocca sul cronometro il 52′ quando Ciappi sbaglia facendosi rubar palla da Prosperi. Il centrattacco giallo blu lancia in profondità, dove, nel frattempo, è puntualmente scattato l’ex attaccante esterno della Lastrigiana Niccolò Filidei. Il numero diciotto di casa, entrato ad inizio ripresa al posto di un più che positivo Giuliano Andrei, parte con precisione elvetica sul filo del fuorigioco e dopo aver raccolto il suggerimento del compagno di reparto, si presenta a tu per tu con Amaro superandolo con irrisoria facilità. Pesa, stavolta, come un macigno sul capo dei ragazzi di Bolognesi il punto del raddoppio giallo blu. Un Castello che ha sin qui interpretato la gara con grande generosità, fatica adesso a riprendersi lasciando l’iniziativa nelle mani dei padroni di casa. Nonostante le difficoltà, tornano, però, ad affacciarsi in avanti i ragazzi di Via Reginaldo Giuliani all’altezza del 59′ quando Nieri, molto ben imbeccato sulla sinistra, calcia di pochissimo a lato con il destro (che certo non è il suo piede preferito!!). Non sbaglia, invece, sul fronte opposto qualche minuto più tardi il neo entrato Ara che al 67′, raccogliendo un prezioso suggerimento filtrante in piena area biancoverde, supera Amaro in uscita grazie ad un morbido e calibratissimo pallonetto. Un gol molto bello ma viziato, ancora una volta, dall’evidente posizione irregolare del numero sedici giallo blu non sanzionata a dovere da Terzaroli. Un Castello ormai stanco e demoralizzato è costretto ad alzare definitivamente bandiera bianca ed il Galluzzo legittima la sua netta affermazione creando un altro paio di buone occasioni. Al 68′ Fiorini si produce in una buona iniziativa personale sulla destra conclusa con una battuta a rete che termina, però, sopra la traversa. Un minuto più tardi, Amaro è bravo ad abbassare un’ultima volta la saracinesca sulla battuta da fuori area proposta da capitan Di Maggio. Nonostante una sconfitta più che preventivabile, la buona prova d’assieme fornita dai ragazzi di Bolognesi dev’essere considerata di buon auspicio in vista della sfida salvezza che nel prossimo fine settimana vedrà affrontarsi, sul sintetico amico del “Pontormo”, i biancoverdi castellani e gli arancio blu del Novoli. Un ottimo Galluzzo aggiunge un altro bel capitolo al proprio libro stagionale. Un romanzo che dalle parti di Via Biagini, tutti sperano possa concludersi con il finale più bello; la qualificazione alla Coppa Toscana.

(61)

Leave a Reply