Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

GIUDICE SPORTIVO – Le decisioni della Delegazione Provinciale di Firenze

 

CAMPIONATO JUNIORES PROVINCIALI GIRONE “B”

 

gara del 16/ 2/2019 EURO CALCIO FIRENZE sq.B – SCARPERIA 1920 Avverso la regolarità della gara Euro Calcio Firenze – Scarperia 1920 proponeva rituale reclamo la società Scarperia 1920 assumendo che la società Euro calcio Firenze avrebbe fatto partecipare alla gara più di quattro giocatori “fuori quota”, nati cioè dopo l’1.1.1998, in spregio a quanto riportato dal C.U. di Firenze n.1 del 5.7.2018. In particolare, secondo la reclamante, per la società Euro Calcio Firenze avrebbero partecipato alla gara i seguenti calciatori “fuori quota”: BONAVENTURA GABRIELE nato il 29.1.1998, CANGIALOSI SIMONE nato il 11.5.1998, LASTRUCCI LORENZO nato il 12.9.1998, KALLUDURA FLORENT nato il 22.10.1998 e CIAMPI LAPO nato il 15.3.1998. Per questo motivo la reclamante chiede che le venga assegnata la vittoria della gara con il risultato di 0-3 ai sensi dell’art.17 C.G.S.. Il Giudice Sportivo Territoriale verificati gli atti ufficiali dell’ufficio tesseramento rileva che le date dei cinque giocatori in oggetto risultano corrette e d’altra parte dagli atti ufficiali di gara risulta che i suddetti calciatori hanno partecipato alla gara per cui deve ritenersi che la società EURO CALCIO FIRENZE abbia contravvenuto a quanto riportato nel C.U. n.1 del 5.7.2018 Delegazione di Firenze e cioè “Alle gare del Campionato Provinciale “Juniores – Under 19” possono partecipare i calciatori nati dal 1º gennaio 2000 in poi e che, comunque, abbiano compiuto il 15º anno di età; è consentito impiegare fino a un massimo di quattro calciatori “fuori quota”, nati dal 1º gennaio 1998″

P.Q.M.

Il Giudice Sportivo Territoriale, accogliendo il reclamo, infligge alla società EURO CALCIO FIRENZE la punizione sportiva della perdita della gara con il risultato di 0-3. Dispone non addebitarsi la tassa reclamo.

 

gara A.S.D. Ponte Rondinella Marzocco – A.S.D.C. San Giusto Le Bagnese del 23.02.2019 (interrotta). Sciogliendo la riserva contenuta nel CU n. 40 del 27.02.2019, Questo Giudice Sportivo Territoriale, esaminati gli atti ufficiali, accertato che la gara di cui in epigrafe risultava essere stata definitivamente interrotta al 36 minuto del secondo tempo per aver il D.G. ritenuto non più sussistenti le condizioni per proseguirla stanti le tensioni createsi sugli spalti tra i sostenitori delle due società e per l’effetto anche tra calciatori sul terreno di gioco, rileva quanto segue. Come più volte affermato da questo Ufficio, l’interruzione della gara,prevista dall’art. 64 comma 2 N.O.I.F., costituisce la misura estrema a cui l’arbitro può ricorrere allorché si verifichino fatti o situazioni pregiudizievoli o per l’incolumità propria o degli altri partecipanti o per il regolare andamento della gara che ritiene di non poter più dirigere in piena indipendenza di giudizio; l’adozione di tale decisione, per la sua gravità e per la gravità delle conseguenze che ne derivano, va intesa, ribadiamo, come extrema ratio allorquando il regolare andamento dell’incontro non possa essere ristabilito con altre misure (espulsioni, ammonizioni, diffide, etc.). La sussistenza delle ragioni che conducono alle decisione di interrompere la gara deve essere verificata con riferimento ad un criterio oggettivo – e non dunque rimessa alla mera discrezionalità del direttore di gara – e su tale determinazione può dunque esercitarsi il sindacato ad opera degli organi di Giustizia Sportiva. Nel caso che ci occupa il D.G. rappresenta come, al minuto 36 del secondo tempo, successivamente ad un suo provvedimento disciplinare a carico di un giocatore durante il regolare svolgimento della partita, si innescava una rissa in tribuna che coinvolgeva i sostenitori di entrambe le squadre. Per effetto di ciò alcuni calciatori presenti sul terreno di gioco, non specificatamente individuati, si dirigevano verso la rete di recinzione per cercare di raggiungere la predetta tribuna, taluni spintonandosi, tal altri togliendosi la maglia. Rivelatosi vano ogni tentativo dell’arbitro di riportare la calma, questi riteneva la situazione non più governabile con i poteri ad egli attribuiti anzi valutava l’eventuale prosecuzione della gara come una pericolosa esposizione di se stesso e degli altri tesserati a rischio per la propria sicurezza. Questo G.S.T., per come descritti i fatti nel rapporto e soprattutto per il pregiudizio che essi hanno arrecato alla capacità direzionale dell’arbitro, ritiene che ben si possa ricondurre la situazione che ha determinato l’evento interruttivo nell’alveo di applicazione del sopracitato articolo 64 comma 2 N.O.I.F. e per questo motivo ordina la ripetizione della gara e, stante la natura dei fatti commessi, obbliga a disputarla a PORTE CHIUSE ai sensi dell’art. 18, comma 1, lettera d); per gli stessi fatti accertati commina la sanzione di Euro 100,00 di ammenda a carico di ciascuna delle Società A.S.D. Ponte Rondinella Marzocco e A.S.D.C. San Giusto Le Bagnese; trasmette, infine, gli atti alla Segreteria della Delegazione Provinciale di Firenze per gli adempimenti di rito.

 

PROVVEDIMENTI A CARICO DI MASSAGGIATORI

 

Squalifica fino al 5 APRILE inflitta a:

Alikurti (Firenzuola)

 

PROVVEDIMENTI A CARICO DI CALCIATORI

 

SQUALIFICA PER QUATTRO GARE:

Kalludra (Euro Calcio Firenze)

Per aver offeso il Direttore di Gara. Sanzione aggravata in quanto capitano.

SQUALIFICA PER DUE GARE:

Giorgi (Firenzuola)

SQUALIFICA PER UNA GARA:

Migliarese, Cecchi e Fedi (SORMS San Mauro)

Panzacchi (Firenzuola)

Maestrini (Ponte Rondinella Marzocco)

Mori e Ponzuoli (Signa 1914)

Scarselli (Florence)

CALCIATORI IN DIFFIDA:

Lagana’ (Cobra Kai)

Parigi (C. S. Firenze)

Xhafa (Euro Calcio Firenze)

El Goutbi (Isolotto)

Gallo (Signa 1914)

 

CAMPIONATO ALLIEVI B GIRONE “G”

 

PROVVEDIMENTI A CARICO DI DIRIGENTI

 

Inibizione fino al 21 MARZO inflitta a:

La Grotta (Santa Maria)

 

PROVVEDIMENTI A CARICO DI CALCIATORI

 

SQUALIFICA PER DUE GARE:

Narjaku (Santa Maria)

A fine gara teneva contegno irriguardoso nei confronti del Direttore di Gara.

SQUALIFICA PER UNA GARA:

Giangrande (Isolotto)

CALCIATORI IN DIFFIDA:

Cecchi (Isolotto)

(13)

Leave a Reply