Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

JUNIORES – Castello ottava meraviglia del mondo! Sul “Bagno” sventola bandiera bianca!

  

 

ATLETICA CASTELLO – BAGNO A RIPOLI 8 – 2

ATLETICA CASTELLO: Michelassi, Milani, Chiti, Pomini, Parlanti, Piovaccari, Megli, Boanini, Fantechi, Bartoli, Boschi.

A DISPOSIZIONE: Mosconi, Vaggioli, Tarlini, Morettini, Nocentini, Villani, Basolu, Verdorale, Falcinelli.

ALLENATORE: Alessandro Carmannini.

BAGNO A RIPOLI: Falsettini, Maccarrone, Chini, Vichi, Nuti, Cannelli, Masieri, Ricci, Montecchi, Renzi, Brovelli.

A DISPOSIZIONE: Rossi, Gonnelli, Perrotta.

ALLENATORE: Valerio Relli.

ARBITRO: Parrini di Firenze.

RETI: 2′ e 82′ Masieri, 7′, 28′ e 58′ Fantechi, 21′ Bartoli, 31′ Megli, 53′ Boanini, 74′ Piovaccari, 87′ Villani.

Anche se alla fine del campionato mancano ancora sei giornate e il verdetto definitivo è ancora ben lontano dall’essere scritto, l’ennesima prova di forza fornita dalla corazzata Castello, rende inequivocabili due dati di fatto. La formazione di Carmannini, Iori e Ciapetti, confermandosi leader incontrastata del girone, spazza via grazie ad otto poderosi colpi di spazzola le ambizioni d’alta quota di un rimaneggiato Bagno a Ripoli al quale, stavolta, non sono stati sufficienti un inizio folgorante ed i gol di una delle sue punte di diamante. E’ un Castello irresistibile ed inarrestabile quello che, sul sintetico di casa, trasforma quello che sulla carta era un potenziale esame di maturità in una pura formalità. Merito dei singoli e del gioco, certo ma anche di quella mentalità da grande squadra che fa affrontare ai biancoverdi qualsiasi impegno con la medesima grinta e concentrazione. Ben poco ha potuto fare la squadra di Valerio Relli che comunque, almeno nelle primissime battute del match, tiene fede al suo blasone creando non poche preoccupazioni alla capolista. E’ bene ricordare, infatti, che nel girone d’andata la compagine ripolese era riuscita nell’impresa d’infliggere, sul sintetico amico dei “Ponti”, una durissima punizione sia al Castello, sia al Signa; le due formazioni che adesso lottano gomito a gomito in vetta alla classifica per aggiudicarsi la possibilità di tornare a calcare, nella prossima stagione, il palcoscenico regionale. La gara presenta, dunque, non poche insidie per la truppa di Carmannini che infatti non sembra avere il giusto approccio col diretto avversario. Nonostante sia giunto al “Pontormo” con gli uomini contati, Relli decide di giocarsi tutte le sue carte schierando sull’inviolato tappeto verde castellano una formazione dalle caratteristiche spiccatamente offensive. Sia Montecchi, sia i due super bomber Renzi e Masieri (48 gol in due prima di questo match) fanno pensare ad un Bagno spregiudicato che vuol metterci la faccia. E bastano due giri d’orologio per comprendere quanto le nostre sensazioni siano esatte. Discesa sulla trequarti di Renzi che carica il tiro e conclude a rete. Michelassi interviene in maniera a dir poco approssimativa respingendo corto e favorendo così l’irrompere di Masieri che giunge come un falco sulla sfera ribadendola in rete da due passi. Il promo sonoro schiaffone giallo blu, non lascia adito ad interpretazioni. Il Bagno c’è e vuol provare a portare a termine l’impresa. Il Castello deve, dunque, svegliarsi e possibilmente, farlo anche in fretta. E c’impiegano solo cinque minuti i ragazzi di Carmannini a riorganizzarsi e colpire di rimessa. Al 7′ Bartoli lavora un bel pallone sulla sinistra che poi rovescia verso il centro dell’area giallo blu, dove l’implacabile super bomber Fantechi, appostato a due passi da Falsettini, supera il portiere di scuola Belmonte grazie ad un rapinoso tocco di testa sottomisura. La ritrovata parità biancoverde dà fuoco alle polveri di un match che continua a restare, in questa fase, molto interessante. Il “botta e risposta” prosegue e al 9′ Michelassi è nuovamente costretto a fare gli straordinari opponendosi prima ad una conclusione dalla distanza proposta da Montecchi e poi al successivo tentativo di tap in operato da Brovelli. E’ a questo punto che il vento cambia direzione gonfiando a dismisura la vela di un Castello solido a centrocampo e velocissimo in fase offensiva. Al 17′, sugli sviluppi di un corner dalla sinistra molto ben disegnato da Bartoli, la proverbiale inzuccata da due passi tentata da Piovaccari costringe Falsettini ad un grande salvataggio di puro istinto. Al 19′ il “Freccia Rossa” Fantechi prende velocità sul settore sinistro dell’attacco biancoverde ma dopo essersi incuneato in area, indirizza di poco fuori alla sinistra di Falsettini una rasoiata in diagonale che mette i brividi all’estremo difensore ripolese. Al 21′ il Castello opera il sorpasso. Ed è davvero pregevolissima l’esecuzione di “Alino” Bartoli che dopo aver addomesticato un bel lancio in verticale, si presenta al limite dell’area giallo blu uccellando Falsettini in uscita grazie a un morbido pallonetto. Il motore castellano viaggia adesso a pieni giri e la velocità dagli esterni fa vedere i sorci….biancoverdi ad una difesa ospite nella quale fa comunque bella mostra di sé un solido e sempre attento Vichi. Al 23′, dopo aver tenuto in campo un pallone quasi certamente destinato a terminare oltre la linea di fondo campo, Fantechi serve Megli che dopo essere entrato in area, prova a superare ancora una volta Falsettini con un pregevole pallonetto. La palla rimbalza nei pressi della linea di porta, dove Fantechi “liscia” in maniera a dir poco clamorosa l’intervento aereo che gli avrebbe permesso di spingerla in fondo ad una rete rimasta incustodita. L’appuntamento con la seconda realizzazione personale di giornata, è però solo rimandato. Al 28′ Megli innesca in verticale Fantechi che entra in area, si presenta a tu per tu con Falsettini e conclude a botta sicura dalla media distanza. Il portiere giallo blu è bravissimo a chiudergli una prima volta la porta in faccia. Nulla, però, può fare sul successivo tap in dello stesso Fantechi che porta il Castello sul 3-1. Pochi secondi più tardi, un Bagno ormai in balìa dell’avversario è “graziato” da Megli che lanciato con precisione da Boanini, conclude di poco a lato da ottima posizione. Anche in questa occasione, sono solo tre i minuti di strada che separano il velocissimo esterno destro biancoverde ed il gol. Al 31′, infatti, una difesa ospite nuovamente in affanno non riesce a liberare in maniera definitiva i propri sedici metri. Sugli sviluppi di una corta respinta, il primo ad arrivare sul pallone è proprio Megli che dopo aver preso la mira, piazza a fil di traversa il punto del momentaneo 4-1; risultato, questo, con il quale va in archivio un primo tempo dominato dai padroni di casa e nel quale solo in fase iniziale la formazione Valerio Relli ha dato l’impressione di essere in partita. Il copione di un match dal destino ormai segnato, non cambia di una virgola neppure nella ripresa. Il Castello riparte a spron battuto dopo l’intervallo di metà gara e al 49′ i ragazzi di Carmannini reclamano a giusta ragione per un intervento irregolare in piena area effettuato da Vichi sul lanciatissimo Boschi. Il rigore è nettissimo ma dello stesso avviso non è l’esperto Parrini che fra lo stupore generale, lascia proseguire il gioco. Il duello fra il numero undici biancoverde e il numero quattro giallo blu, si rinnova al 53′, con il difensore ripolese che stavolta anticipa in maniera regolare il centrocampista castellano chiudendolo in calcio d’angolo. Sugli sviluppi del corner battuto con la consueta perizia da Bartoli, puntuale è l’inzuccata di Boanini che saltando in anticipo sugli avversari, mette alle spalle di Falsettini il pallone che vale la cinquina biancoverde. Al 58′ il punteggio assume connotati tennistici grazie al terzo centro personale di un inarrestabile Fantechi che approfittando ancora una volta al meglio di un’azione impostata da Bartoli, mette a segno il suo quarantaduesimo gol stagionale. Inizia la girandola delle sostituzioni e al 74′ è proprio uno dei nuovi entrati nelle file del Castello a dare il là all’azione che allarga ulteriormente la forbice del punteggio. Calcia bene un corner dalla destra l’ex attaccante della Sestese Mattia Verdorale; la palla giunge nel cuore dell’area giallo blu, dove un primo colpo di testa mette in grande imbarazo Falsettini che può solo respingere corto. Il primo ad avventarsi sulla sfera è Piovaccari che sganciatosi come suo solito dalle retrovie nel tentativo di sfruttare le palle inattive, fa ancora centro portando il risultato sul 7-1. Bella ma ovviamente destinata a rimanere buona solo per le statistiche l’azione che all’82’, consente a Masieri di mettere a segno la sua doppietta personale. Liberato in area da una bella triangolazione volante, il numero sette ospite prende la mira e fa secco Michelassi grazie ad un bel rasoterra che dopo aver giocato di sponda con il palo destro della porta castellana, rotola in fondo alla rete. A tre minuti dalla fine, l’ultimo ad apporre la propria prestigiosa firma sul libro dei marcatori è Giulio Villani ohe da poco entrato sul terreno di gioco, supera Falsettini da pochi passi facendo così salire il Castello sull’otto volante. Missione compiuta, dunque, col piglio della capolista di razza da un Castello sempre più proiettato verso grandi traguardi. Guai, però, ad abbassare la guardia. Se i biancoverdi volano, non sono ovviamente da meno neppure i canarini di Signa che grazie alla doppietta di un altro bomber di razza, il “Killer” Federico Martinelli, espugnano il “Don Vittorio” di Ponte a Greve continuando, di conseguenza, a far sentire alla capolista il fiato sul collo. Prosegue, dunque, più incerto ed appassionante che mai e promette di regalare ancora grandi emozioni il faccia a faccia in vetta alla classifica del Girone B!!

(74)

Leave a Reply