Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

Scuola Calcio, lezione di rugby

 La scuola calcio a lezione di…rugby! Esatto, tra le principali finalità della Scuola Calcio troviamo anche quella di dare a ciascun atleta un bagaglio motorio di base il più completo possibile e, solo successivamente, iniziare a specializzarli al calcio. Di fatto la scuola dell’obbligo non assicura una preparazione di base per far poi scegliere a ciascun ragazzo lo sport cui è più portato; sono le società di quartiere costituite da volontari che sopperiscono ad una carenza delle istituzioni. L’attività fisica è fondamentale per la crescita dell’individuo, al pari delle altre materie, come gli antichi ci insegnano “mens sana in corpore sano”, dato che le attività motorie migliorano le attività mentali e viceversa. Per questo, ci spiega il Responsabile della Scuola Calcio Alessandro Campolmi, la società Atletica Castello ha deciso con alcuni allenatori di intraprendere un percorso per i nostri atleti più completo e funzionale al miglioramento delle capacità motorie per avere una specializzazione successiva più proficua.

LA LEZIONE: CAPRIOLE, META, PLACCAGGIE così, venerdì 23 ottobre scorso, è andata in scena la prima lezione di rugby con l’istruttore-allenatore Marco Bartoloni del Sesto Rugby. Marco ha svolto una serie di esercizi con gli atleti del 2006, tra il divertimento generale. Abbiamo iniziato con piccoli esercizi di corsa, capriole con e senza palla ovale, passaggi a tre e quattro giocatori, partita a méta, placcaggi e partita finale. Un pomeriggio diverso con esercizi utili e comuni a più sport, per noi il passaggio indietro è fondamentale ed avere il compagno che corre dietro al portatore di palla e non avanti è decisivo. Il progetto prevede una serie di incontri con istruttori di discipline diverse (Rugby, Ritmica, Basket) e l’idea è quella di far fare ai ragazzi nuove esperienze, attraverso le quali i giovani atleti possono misurarsi con i propri limiti. In questo modo avranno la possibilità attraverso un insegnamento multidisciplinare di ampliare le proprie abilità motorie, migliorandole e consolidandole.

ALLENARE LA MULTISPORTIVITA’ – Ogni persona ha il diritto di ricevere un’educazione ed una formazione sportiva che contribuiscano ad aiutare a crescere fisicamente e mentalmente, migliorando anche la relazione con gli altri. Gli allenatori David Piffanelli ed Enrico Borrelli, ci spiegano come questo progetto preveda una fase di “sensibilizzazione alla multisportività” che si sviluppa in una fase di preparazione teorica alle nuove discipline. Gli istruttori durante le sedute precedenti mettono in evidenza tutti gli aspetti in comune tra la disciplina normalmente svolta (calcio) e gli altri sport evidenziando come sia importante avere una base motoria ampia e completa, e sottolineando come ci sia da imparare da ogni sport e come spesso si possa allenare in maniera diversa la stessa capacità motoria. Ovviamente tutto questo porta anche degli enormi vantaggi ai nostri istruttori che sicuramente ruberanno con gli occhi e faranno propri tutti i trucchi del mestiere mostrati dai loro colleghi. A fine partita ci siamo trovati con Marco e gli istruttori del 2006 a spiegare gli obiettivi e a parlare dello sport in generale insieme ai ragazzi. Che hanno fatto domande interessanti e di sicuro, come suggerito dall’istruttore Marco, si guarderanno le finali mondiali di rugby che ci saranno prossimamente.

(490)

Leave a Reply