Atletica Castello settore calcio - sito ufficiale

SECONDA CATEGORIA – Fuochi d’artificio al “Neto”!! Castello e Settimello si spartiscono un prezioso bottino!!

   

 

SETTIMELLO – ATLETICA CASTELLO 3 – 3

 

SETTIMELLO: Capanni, Lombardi, Kone, Torsoli (70’ Pinzauti), Fantini, Tortelli, Nervini (87’ Sillah), Guarguagli, Calugi (75’ Roni Duccio), Vidili (57’ Roni Vanni), Liverani.

A DISPOSIZIONE: Fancelli, Gori, Bovicelli, Roni Ruggero, Silecchia.

ALLENATORE: Silvano Bardi.

ATLETICA CASTELLO: Albertini, Orsini, D’Amico (86’ Mugelli), Bianchi, Mattolini, Focardi, Nocenzi, Picchioni (55’ Fedi), De Tellis, Calvani, Erodiani.

A DISPOSIZIONE: Aiazzi, Matucci, Chiti, Agonigi, Boschi, De Leonardis, Verdorale.

ALLENATORE: Michele Batistoni.

ARBITRO: Misuri di Firenze.

RETI: 16’ Erodiani, 44’ Guarguagli, 52’ Mattolini, 53’ Vidili, 80’ rigore Nervini, 93’ rigore Mugelli.

ESPULSI: Focardi al 47’ per gioco falloso ed Erodiani al 58’ per doppia ammonizione.

 

Anche se mancano ancora otto giorni a San Silvestro, sul terreno del “Neto”, Settimello e Atletica Castello, in occasione dell’ultimo impegno dell’anno solare 2018, decidono di dar vita ad un meraviglioso spettacolo pirotecnico; un match d’altri tempi, tutto da raccontare, assolutamente sconsigliato ai deboli di cuore e che ha riservato, dal primo al novantatreesimo minuto, ogni genere di emozione. Ai ragazzi di Michele Batistoni, se da un lato resta il rammarico per non essere riusciti ad operare il sorpasso in vetta alla classifica su un San Giusto le Bagnese caduto in casa per mano dei “cugini” del Casellina, dall’altro resta la grande soddisfazione per aver strappato con le unghie e con i denti, in piena Zona Cesarini e soprattutto, in doppia inferiorità numerica, un punto di platino. Solo grande amarezza, invece, accompagna negli spogliatoi a fine partita i nero verdi padroni di casa guidati dall’ex tecnico di San Lorenzo Campi Giovani e Daytona Silvano Bardi. Il Setimello getta, infatti, alle ortiche una ghiotta occasione facendosi riacchiappare per i capelli da un Castello ferito sì ma tutt’altro che morto. Un match che, complici le numerose assenza in casa biancoverde, sembra presentarsi tutto in salita vede, invece, partire molto bene i ragazzi di Batistoni. Il tecnico castellano schiera il miglior undici titolare possibile e il primo quarto d’ora di gioco sembra suffragare le sue scelte. Allo scoccare del 16’, infatti, in occasione del primo vero affondo di un certo rilievo, il Castello passa in vantaggio. De Tellis scende lungo la trequarti avversaria e poi pesca con precisione in piena area neroverde il ben appostato Erodiani che dopo aver recuperato il pallone, lo appoggia facilmente alle spalle di Capanni. Il Castello insiste e al 27’, sugli sviluppi di una punizione ben calciata da Bianchi, Orsini, dopo aver raccolto la sfera, si coordina benissimo trovando, però, sulla propria strada il montante della porta neroverde che salva Capanni dalla seconda capitolazione. Due minuti più tardi è, invece, provvidenziale Fantini che salva la propria squadra respingendo sulla linea un pallone destinato quasi certamente a terminare in rete. Soffre, insomma, la compagine di Bardi in questa fase ma quando riesce a ripartire in contropiede, anche la difesa biancoverde è costretta a fare gli straordinari. Allo scoccare della mezzora è l’ex centrattacco della Sestese Vidili ad involarsi tutto solo verso la porta difesa da Albertini al quale non resta altro da fare che uscire precipitosamente dai propri pali e chiudere irregolarmente la strada al numero dieci di casa. L’estremo castellano rischia grosso nell’occasione perché toccando la palla con una mano fuori dalla propria area di rigore, potrebbe incappare nella più classica delle espulsioni. Fortunatamente per lui, Misuri chiude un occhio concedendo al Settimello solo un calcio piazzato. La seconda parte del primo tempo si fa più equilibrata e a pochi secondi dall’intervallo, il Settimello raggiunge il pareggio con Guarguagli, bravo ad anticipare Albertini in uscita e a depositare in fondo al sacco il pallone del momentaneo 1-1. Non esageriamo quando affermiamo che nella ripresa, va in scena una “partita nella partita”. Al 47’ Focardi è costretto a fermare fallosamente un avversario lanciato a rete. Stavolta Misuri non ha dubbi e sventola sotto il naso del difensore castellano il cartellino rosso. Seppur in inferiorità numerica, i ragazzi di Batistoni decidono di giocarsi fino in fondo le proprie carte e al 52’ accade ciò che in pochi si attendono. Lunga rimessa laterale verso l’area neroverde operata da Orsini, spizzata di testa da parte di Fedi e Mattolini, sempre di testa, porta in vantaggio gli ospiti realizzando il classico gol dell’ex. I castellani non hanno, però, neppure il tempo di esultare. Il Settimello riparte di slancio e dopo appena un minuto, Vidili, con un bel colpo di testa, riporta la situazione in parità. L’atmosfera sul terreno odi gioco si fa, nei minuti successivi, improvvisamente incandescente e al 58’ Erodiani, già ammonito, rimedia un secondo cartellino giallo che gli fa guadagnare un biglietto di sola andata verso una doccia anticipata. Il Castello è adesso costretto a giocare una buona mezzora in doppia inferiorità e senza la guida tecnica di Michele Batistoni, espulso a sua volta per proteste. Nonostante quest’ulteriore difficoltà da fronteggiare, il Castello resiste agli attacchi di un Settimello più che mai deciso a far sua l’intera posta in gioco. Al’80, però, ecco la doccia fredda. Misuri concede ai padroni di casa un dubbio rigore che Nervini trasforma con freddezza. Questo sembra davvero il colpo del definitivo KO per il Castello. Michele Batistoni, però, ha un altro asso nella manica. All’86’, dal mazzo, tira fuori la carta Mugelli che lasciato inizialmente in panchina, entra a rilevare il difensore D’Amico. L’intenzione del tecnico biancoverde, insomma, è chiara; giocarsi il tutto per tutto. Al 93’ quello che agli occhi dei più potrebbe sembrare un azzardo, si trasforma nella più bella magia di Natale. Proprio Mugelli, infatti, è bravo a procacciarsi un rigore che egli stesso trasforma regalando al Castello un ormai insperato pareggio che manda in archivio un match emozionante e divertente che verrà ricordato a lungo dagli appassionati presenti sulla tribuna del “Neto”. Il terzo pareggio stagionale vale oro per il Castello che dando l’ennesima dimostrazione di possedere tutte le qualità necessarie per essere una grande squadra, si prepara a dare l’assalto alla vetta della classifica fin dal primo impegno del nuovo anno che il 13 gennaio lo vedrà affrontare, sul sintetico amico del “Pontormo”, la Virtus Comeana. Smaltita la momentanea delusione, ne siamo certi, anche i ragazzi di Silvano Bardi si renderanno conto di aver comunque portato a casa un punto importante. Il Settimello resta, infatti, ben agganciato al treno che porta ai play off. Un convoglio che alla ripresa del campionato dopo la pausa natalizia, effettuerà una fermata fondamentale sul campo di Bonelle, dove i nero verdi, al cospetto dei Giovani Rossoneri, si giocheranno una grande chance.

(34)

Leave a Reply